Libreria per casa, Arredo senza tempo per impreziosire o dividere gli ambienti

Avere una libreria in casa significa avere un elemento di arredo che che parla in silenzio tracciando l’identikit dei nostri gusti.

Avere una libreria in casa significa avere un elemento di arredo che che parla in silenzio tracciando l’identikit dei nostri gusti. È il fondale di una scenografia in cui libri ed altri oggetti che vi stazionano raccontano molto delle persone che abitano quegli ambienti. Scegliere di averne una  completa la casa e conferisce alle stanze un’impronta personale. Arredo relativamente moderno (le sue vicende si intrecciano con quelle dell’invenzione della stampa a metà del Quattrocento), è praticamente un must del soggiorno, della camera da letto ed oggi  persino della cucina. Recuperando l’antico fine della biblioteca, scrigno di volumi e testi di valore, la libreria torna a rappresentare oggi l’architettura domestica del sapere. Arrampicati sui montanti, gli scaffali esibiscono e custodiscono libri e altri oggetti grazie ai solidi ripiani che scandiscono la verticalità dello spazio a disposizione e all’inserimento di vani contenitori che, al contrario, ne sfruttano la dimensione orizzontale. Il risultato sono quindi composizioni personalizzabili e personalizzate che abbracciano nuove pratiche quotidiane. Ne esistono a parete, ci sono quelle che reinterpretano il classico modello in legno e quelle che sperimentano la trasparenza attraverso l’uso materiali più leggeri. Un capitolo a parte meritano le freestanding, delle librerie autoportanti che fungono da divisori di stanze senza ridurre l’area, creando, grazie riempimento degli spazi, effetti vedo non vedo, punti luce e giochi di trasparenza tra un ambiente e l’altro. Molteni&C ha puntato su flessibilità, design e contemporaneità per realizzare i suoi modelli di libreria più iconici: la Grid e la recente Hector, entrambe firmate da Vincent Van Duysen, la Pass-Word di Dante Bonuccelli, e la Ava dello studio Foster + Partners. 

 

Grid e hector, che sia a parete o divisoria l’eleganza non cambia

Le librerie  Grid e l’ultima nata, la Hector, sono due tipologie iconiche espressione di ricerca, cambiamento ed innovazione. Entrambe portano la firma di Vincent Van Duysen, architetto ed interior designer belga che crea arredi di grande purezza ed essenzialità, nonostante conservino un carattere di concretezza e solide basi formali. La prima, è una novità per quanto riguarda il modular wall-system perché porta ad un’evoluzione dello spazio domestico grazie alla presenza di dispositivi elettronici. Il sistema è componibile ed è dotato di una pannellatura realizzata a folding, fissata a muro, all’interno della quale viene inserita a richiesta l’illuminazione a LED sia nella parte centrale che nella parte superiore in tutta la lunghezza, connessioni varie, sistema aperto flessibile sulla base di una griglia modulare, che organizza gli elementi della composizione e ne esalta la funzione. La libertà compositiva si esalta nella parte superiore utilizzando librerie a giorno, vetrine o teche, espositori a diversa altezza per oggetti preziosi, quadri, ricordi di vita quotidiana, verniciati nelle finiture metalliche del Peltro e Rame. 

Hector è invece una libreria componibile a montante dall’immensa versatilità in quanto può essere posizionata  ovunque nella stanza: lungo la parete o al centro dando vita ad un elemento divisorio adatto a suddividere aree living, dedicate al relax, grazie anche al supporto TV orientabile, da aree dining dedicate alla convivialità, come pure da quelle dedicate allo “smart working” dove laptop, tablet trovano posto sia sui ripiani che in contenitori chiusi con ante a ribalta. L’elemento portante è il cuore di tutto il sistema che, realizzato in estruso di alluminio verniciato o rivestito in legno, può estendersi fino ad una altezza di 315 cm. «La libreria Hector si ispira a biblioteche e uffici modernisti, tradotti in un linguaggio quotidiano. Grazie alla possibilità di regolarla al millimetro, consente di creare composizioni personalizzate, da quelle simmetriche a quelle più dinamiche da centro stanza», afferma Vincent Van Duysen. «La tendenza è chiudere, creare spazi raccolti e ambienti diversificati. Inoltre i device oggi affollano le stanze e vanno sistemati». Materiali di alto valore (i montanti in legno, le finiture bronzo) e i dettagli arrotondati, di grande perizia, ne fanno un autentico capolavoro per l’ambiente domestico.

 

Libreria ava, lusso e innovazione in chiave green

Lo studio Foster+Partners, uno dei più innovativi studi di architettura e progettazione integrata del mondo, ha creato il design della libreria AVA per Molteni&C.  La struttura e i ripiani hanno un unico profilo a V e la peculiarità di tale modello di libreria è l’uso e l’accostamento di materiali tecnologici innovativi. I ripiani strutturali composti da pannelli in multistrato, vengono rinforzati con alluminio e modellati a folding. Per ottenere la massima resistenza ai carichi è stato realizzato un processo di estrusione per trazione, mentre all’interno sono alloggiati dei ripiani, luci a led. La finitura esterna è in essenza di eucalipto, mentre per il suggestivo schienale è stata usata una particolare lamiera in alluminio caratterizzata da una texture tridimensionale ed ottenuta tramite taglio laser. 

 

Pass-word, una libreria modulare, armoniosa e funzionale

Il design nasce da un concetto nuovo e funzionale, è cura dei dettagli, ha forme armoniose e diventa atemporale”. Sono le parole del designer  argentino Dante Bonuccelli  che fa convivere tecnologia e quotidiano nei suoi progetti. La caratteristica principale della sua Pass-Word è la modularità che permette di intercettare i nuovi modi di fruizione degli ambienti domestici. Le sue composizioni (dai 96 ai 442 centimetri, sospese o con basamento) possono essere allestite in oltre novanta soluzioni differenti, una caratteristica che permette di creare soluzioni d’arredo adatte a ogni ambiente, dal living alla zona notte. I contenitori  al suo interno si evolvono verso una forma meno minimalista, dotandosi di bordi arrotondati per ante a battente o a ribalta e cassetti in essenza o laccati tutti dotati di maniglia metallica a filo. Al classico interno in cedro, dal caratteristico profumo, si affianca una nuova finitura melaminica, Batik nei colori ardesia e ecrù, progettata per essere funzionale e di facile manutenzione. Un nuovo elemento verticale a giorno è stato aggiunto al sistema per creare spazi aperti ad interrompere quelli chiusi da ante o cassetti.  Utilizzabile sia come porta Tv e/o apparecchiature media o come piano di scrittura per appoggiare ed utilizzare sistemi Home Office, può essere dotata di un sistema di illuminazione a Led regolata da un telecomando occultato nel piano atto a diffondere luce indiretta nell’ambiente circostante.  Tecnologia all’avanguardia e design raffinato per un sistema dedicato alla zona living, caratterizzato da contenitori, mensole e ripiani pensati per una totale libertà progettuale.